La mia Scuola

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 587
Fine colonna 1
 

Una Traviata straordinaria

TRAVIATA AL MASINI

 

Faenza, 15 Novembre 2013

 

Cose dell’altro mondo… o, almeno, cose che non ti saresti aspettato sotto questa dimensione.

Tutto è cominciato una ventina di giorni orsono.

Teresio Savini viene, insieme ad Aurelio Samorì a presentarmi un progetto. Ne discutiamo, parliamo insieme alla mia Dirigente, poi lui e Aurelio fanno una capatina nell’aula di musica e assistono a un frammento di lezione in cui faccio ascoltare delle voci impostate.

Non so se sia stato lui (Teresio) a cominciare, o se abbia cominciato io, e non ricordo neppure  su cosa abbiamo discusso.

So solo che, alla fine dei nostri discorsi, ci siamo messi d’accordo per far partecipare gli alunni di una classe, dopo avergliela presentata,  alle prove di “Traviata”, che si sono svolte proprio questa sera.

 

E proprio questa sera ho assistito ad una magia davvero inaspettata: sedici alunni della terza C, abituati ad ascoltare haevy metal, rock duro, canzoni attuali, e, spesso, a rifiutare i prodotti del passato, sono rimasti incollati, per oltre tre ore, senza muovere ciglio, senza dir parola, a un’atmosfera creata da Giuseppe Verdi e da un ensemble formato da strumentisti, coristi, solisti davvero degni di ogni encomio, che sono riusciti a far piacere, anzi, a far entusiasmare, per un così lungo tempo, sedici marmocchi e due accompagnatori: io e il Prof. Michele Orlando, che sono rimasti basiti per la fluidità dell’opera che sono andati a vedere, e per la bravura, davvero eccezionale, degli interpreti.

A cominciare da quel violino, davvero incredibile, di Nicolò Grassi, che ha saputo dare alle note iniziali dell’ouverture, e di tutti i frammenti in cui si è esibito da solista, la giusta intonazione, il sentimento, la coerenza, un modo di suonare che ti colpisce per ciò che ti trasmette, che ti incanta.

A proseguire con una piccola orchestra, formata da una decina o poco più di elementi, sempre attenti ai gesti direttoriali di Maurizio Scarfeo e di Monica Ferrini, eccezionali conduttori di una serata in cui si sono poi messi in luce, e che luce! il soprano Valeria Canzi, al suo esordio in questo ruolo, il tenore Paolo Lardizzone e il baritono Giorgio Valerio, insieme al cast degli altri solisti, e a un coro, una scenografia e un corpo di ballo che hanno dato vita a una serata di prove indimenticabile.

A dimostrazione, ancora una volta, che per fare dell’arte di qualità non occorrono milioni di euro. Che per portare avanti un progetto bastano professionalità, caparbietà, voglia di fare oltre misura, disponibilità, sapersi sempre mettersi in gioco, affrontare le inevitabili rivalità e invidie, non essere campanilisti, essere capaci di trasmettere le proprie idee agli altri, non essere attaccati al denaro… ma cosa cavolo sto dicendo???

Lasciamo perdere!!!

Piuttosto, torniamo a cose più concrete: come la bella voce sfoderata da una Violetta ricca di sentimento, di un Alfredo con una splendida “voce avanti”, di un Germont che più Germont di così non si può, ma anche di tutte le piccole parti riservate ad Annina, Flora, Grenville, Gastone, Duphol… Perché, se è vero che le parti principali sono importanti, è anche vero che se una parte più piccola sbaglia una parola, fa un attacco sbagliato, stona anche solo una nota può mandarti a monte un capolavoro che la circonda, come un colpo di vento in un castello di carte!

Comunque, tornando al mio discorso iniziale… vorrei farti i complimenti, Teresio; vorrei strampalarmi di grazie, Monica, vorrei ringraziare davvero tutti per aver reso un’opera di tre ore e passa come una soave canzone: una canzone d’amore che, forse, lascerà una traccia per sempre a coloro che hanno assistito alla sua lieve, intensa esecuzione.

 

Pier Giacomo Zauli

 

P. S. Ah... dimenticavo. L'opera si replica domenica 17 novembre, alle ore 16. Posti in biglietteria, a euro 20 cadauno. Sicuramente ben spesi!!!


Categoria: Spettacoli interessanti Data di creazione: 15/11/2013
Sottocategoria: Associazione Pia Tassinari Ultima modifica: 13/07/2016
Permalink: Una Traviata straordinaria Tag: Una Traviata straordinaria
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 488 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T