La mia Scuola

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 666
Fine colonna 1
 

I vicini scomodi di Roberto Matatia

Faenza, 26 gennaio 2013

 

I VICINI SCOMODI

Di Roberto Matatia

 

Delicatezza, concretezza, verità storica sono le prime tre parole che mi vengono in mente dopo aver letto questo libro:

delicatezza nel trattare argomenti tanto efferati, come quelli che riguardano la Shoah;

concretezza, data dalla narrazione reale, concreta, degli argomenti che costituiscono il libro;

verità storica nella narrazione che, per quanto colloquiale, semplice, lineare sia, riguarda la verità su un periodo tra più terribili per il popolo ebraico.

 

Il libro narra la storia di cinque componenti della famiglia Matatia, parenti diretti di Roberto, storia sviluppatasi negli anni del fascismo.

E’ una storia viva, raccontata direttamente dai protagonisti del libro, che prende spunto da alcune lettere consegnate nella pellicceria di Roberto, a Faenza, trent’anni orsono, da un signore anziano, di nome Mario, scritte da Camelia, figlia di Nissim e Matilde, che hanno fatto come da scintilla, da miccia, per riaccendere in Roberto il ricordo raccontato dai suoi parenti, e per narrarlo, a sua volta, perché rimanga indelebile, come memoria storica per le generazioni future, e come monito perché queste cose non succedano più, a tutti gli uomini veri, e non, come li chiamava mia nonna, a tutti gli “uomini da poco”, che hanno in tutti i  modi fatto del male, hanno portato la loro esistenza contro quella di altri uomini, in nome di una ideologia pensata a regola d’arte per fare unicamente i loro interessi, le loro porcate, ignorando, o fintamente ignorando, il male che hanno arrecato.

 

Il volume, esattamente di cento pagine, tratta l’argomento con una tenerezza, una naturalezza e una capacità comunicativa rare, e si legge davvero tutto d’un fiato.

Lo si legge bene perché è scritto con una convinzione e una naturalezza che portano il lettore a vedere il tutto come realmente è accaduto, senza astruserie ed enfatizzazioni strane, ma puntando continuamente alla chiarezza dei fatti, a far capire, a chi lo vuole, la bruttura del periodo antisemita, la volontà che non si ripetano mai più accadimenti come questo, che annientano nell'uomo la sua dignità, le sue aspettative, le sue speranze  ed il suo futuro.

 

Pier Giacomo Zauli

 


Categoria: Letture consigliate Data di creazione: 26/01/2014
Sottocategoria: I vicini scomodi di Roberto Matatia Ultima modifica: 13/07/2016
Permalink: I vicini scomodi di Roberto Matatia Tag: I vicini scomodi di Roberto Matatia
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 735 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T