La mia Scuola

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 557
Fine colonna 1
 

Cosa mi aspetto da un Concorso di canto

COSA VORREI DA UN CONCORSO CANORO

 

DALLA ORGANIZZAZIONE:

Un bravo presentatore, che metta sempre a suo agio i cantanti, che faccia loro domande simpatiche e intelligenti.

Un buon fonico, che non si spazientisca con i cantanti se fanno un po’ fatica a capire dove debbono stare per evitare Larsen, che capisca al volo quando una base deve essere potenziata o diminuita di volume…

E devo dire che di personaggi del genere, al giorno d’oggi, come un tempo, ce ne sono parecchi. E bravi davvero, come, per non fare nomi, un Ravaioli, un Lambertucci, o un Luca Piazza, o il presentatore, davvero bravissimo, di Ri…cantare a Riolo.

 

DA UNA GIURIA DI UN CONCORSO CANORO

Che fosse composta da giudici competenti, che sapessero valutare le voci dei cantanti in tutti i loro aspetti. Naturalmente da giudici che non avessero tra i cantanti in gara dei loro alunni.

Che guardassero in particolare, o soltanto, alle voci, al modo di emettere i suoni, all’estensione, al come il cantante sa maneggiare il proprio falsetto, se ce l’ha, senza far sentire il passaggio dalla voce piena a questo registro e viceversa…

Che osservassero l’interpretazione del cantante: ossia che notassero la personalità del cantante, mai slegata, comunque, dal significato della canzone, dal suo carattere originario… a meno ché non si trattasse di una interpretazione davvero fuor dalle righe, appositamente realizzata per sconquassala, a bella posta… Naturalmente una interpretazione eccezionale.

 

COSA NON VORREI CHE ACCADESSE

Quando si porta un alunno ad un concorso, il discente, insieme al suo insegnante, prepara la canzone scelta per settimane, se non per mesi, soffermandosi su ogni punto che possa farla realizzare in modo praticamente perfetto.

La canzone che si porta a un concorso non è il solito brano da concerto.

In un concerto un alunno può cantare anche tre, quattro o più canzoni che, nella maggioranza, oltre a mettere in luce le sue qualità vocali, debbono essere eseguite per piacere al pubblico, non necessariamente per mettere in mostra tutte le sue abilità.  Insomma, non le prepara tutte come la canzone del concorso. Le sistema bene, in modo decente, apprezzabile, presentabile, e basta.

Una canzone da concorso, invece, secondo il mio parere, deve essere un pezzo forte che mette in risalto, in pochi minuti, tutte le potenzialità del cantante, oltre a rispecchiarne il carattere.

Personalmente, la canzone la faccio sempre, o quasi, scegliere al cantante, in quanto deve piacere prima a lui, poi vedo se è adeguata, se è realizzabile, se, insomma, si può fare e solo in questo caso, la faccio eseguire.  Altrimenti, ovviamente, la cambio!

Ho sentito dire da un giudice di un Concorso che la canzone che si porta a una gara canora deve essere facile e non impegnare l’interprete più del dovuto.

Sul “più del dovuto” sono d’accordo. Ovviamente, si deve sempre rispettare la natura del cantante.

Sul facile, no!

Una canzone deve essere ai limiti, magari non proprio ai limiti estremi, delle capacità canore dell’interprete: deve metterne in luce tutte le possibilità, altrimenti un giudice come fa a giudicare?

Poi può succedere che, mentre durante le prove la canzone viene bene, magari durante la performance pubblica viene peggio, o addirittura male, ma, a parte l’emozione, c’è da dire che non tutti i giorni sono uguali.  Esistono insomma dei giorni di grazia e dei giorni di disgrazia! E, comunque, un cantante deve saper fare anche a controllare la propria emozione.

 

Poi, non vorrei sentirmi dire da un giudice che ha apprezzato un cantante perché ha scelto un repertorio adeguato alla sua età!

Al giorno d’oggi non capirei un ragazzo, o ancor di più una ragazza, che a dieci anni canta una canzone dello Zecchino d’oro, o di quel genere lì…

I tempi sono cambiati!!!

A dieci anni la gente canta quello che noi, mezzo secolo fa, cantavamo a sedici!

Comunque, anche se un ventenne cantasse una canzone dello Zecchino, questo ragazzo andrebbe giudicato solo per la sua voce, e non per il repertorio!

Io a 8 anni cantavo Nessun Dorma, l'Improvviso dall'Andrea Chenier  e Amor ti vieta, due o tre toni sopra l’originale.

Robe da matti, direte voi… ma io vi posso garantire che non lo erano, perché mettevano in luce la mia voce, senza pensare al fatto che fossero brani da matusa! Ed i giudici capivano benissimo…

Ed erano brani difficili, oserei dire, difficilissimi,  che, con un po’ di tecnica insegnatami prima da Suor Nazarena Francesconi e poi dal Maestro Marocci e favorita da tanta natura, mi riuscivano benissimo!

 

Un’altra cosa che non vorrei accadesse, in un concorso che si rispetti, è che il presidente di giuria abbia sempre il voto che vale doppio. Questo perché questa cosa può stravolgere la situazione. Specialmente se la giuria è formata da sole tre o quattro persone.

Ve lo immaginate, per assurdo, se una giuria avesse votato tutti 10 per un cantante e questo giurato avesse dato, per qualche motivo, due quattro secchi?

Provate a fare la media, per vedere quale catastrofe insorgerebbe!

La cosa, ovviamente, accadrebbe al contrario…

Doppio voto che, poi, diventerebbe catastrofico se il latore del voto non fosse un vero competente di voci… ma su questo argomento non mi dilungo più del dovuto.

Un voto decisivo, invece, sarebbe necessario da parte del direttore della giuria in caso di parità tra due concorrenti, e su questo nessuno avrebbe nulla da dire.

 

Poi, ma questo dovrebbe essere ovvio, da un concorso canoro vorrei onestà!

Già, perché di concorsi disonesti è da oltre cinquent’anni che ne vedo!!!

Concorsi dove la gente passa perché ha pagato, o perché gode di buone amicizie, o perché è imparentata  con qualcuno altolocato, o fa parte di una corrente…

E concorsi di tutti i lignaggi: da quello dove si vincono milioni, a quello dove se ti va bene ti porti a casa una mortadella!

 

E poi, scusate… finiamola di far vincere un concorso perché piace la canzone!

Parecchi anni fa, in uno fatto dalle nostre parti, un concorrente, che cantò malissimo, vinse il primo premio solo perché cercò di interpretare “Granada”, superando di varie lunghezze altri concorrenti che, pur cantando benissimo, non avevano eseguito un brano altrettanto altolocato!

E, purtroppo, di ste robe, nelle giurie attuali, spesso, se ne vedono ancora…

 

Pier Giacomo Zauli


Categoria: Cantare Data di creazione: 26/07/2015
Sottocategoria: Concorsi di canto Ultima modifica: 13/07/2016
Permalink: Cosa mi aspetto da un Concorso di canto Tag: Cosa mi aspetto da un Concorso di canto
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 1148 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T