La mia Scuola

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 227
Fine colonna 1
 

Attila al Comunale di Bologna

ATTILA A BOLOGNA

 

Bravi i cantanti, direttore (Michele Mariotti), coro  e orchestra impeccabili, scenografie degne , in genere, di lode, ma ecco che, a inizio della quarta scena del primo atto, nel momento in cui Ezio, generale romano interpretato da un baritono, si presenta sulla scena, anziché trovarci innanzi un uomo con armatura, sandali, toga, o giù di lì, sul palcoscenico si presenta un soggetto con basco nero, vestito da gerarca fascista! Seguito da un seguito di seguaci in altrettanta foggia vestiti!

Vado a cercare sul libretto cosa sta scritto, ma non trovo nulla di simile.

Verdi parla infatti di Aquileia, della metà del quinto secolo, di Unni, Eruli, Ostrogoti.  

Vado su Wikipedia, anche se non ce ne sarebbe bisogno, e noto che il Fascismo è nato nei primi anni del Novecento, si è affermato dal 1922 con la marcia su Roma, quindi ben quattordici secoli dopo l’epoca cui Verdi si riferisce. Non solo: Verdi non poteva saper nulla di Fascismo, visto che è morto nel 1901.

E allora mi vien da dire… siamo alle solite!

Musiche perfette, interpretazioni vocali di grande calibro, rispetto della partitura fino alla più piccola delle note, o alla più impercettibile delle variazioni agogiche o di intensità sonora si contrappongono alla scorrettezza di registi che a volte ti vien da chiedere se sanno che cosa stanno dirigendo, se hanno minimamente letto il libretto dell’opera, se, insomma, ne hanno una coglia…

E poi, per sopramercato, mi fanno uccidere Attila da Odabella, figlia del Signore di Aquileia, legato a due grosse corde, inerme ed impossibilitato non solo a difendersi, ma persino a muovere un dito.

Ma Odabella non era un’intrepida, coraggiosissima guerriera?

Alla faccia!

Una riflessione: l’opera non piace ai giovani, che non riescono, il più delle volte, a capirla.

Questi registi, tra cui questo di Attila (Daniele Abbado, che nulla pare abbia preso dal Padre, che tutti compiangiamo) non aiutano certo l’opera a riprendere piede tra i giovani, ma neppure aiutano i vecchi come me a tornare a vederla, delusi da una sorta di presunte incompetenza, arroganza e vanagloria della quale pare proprio non ci si riesca a liberare.

 

Pier Giacomo Zauli


Categoria: Cosa ne spenso Data di creazione: 24/01/2016
Sottocategoria: Varie Ultima modifica: 13/07/2016
Permalink: Attila al Comunale di Bologna Tag: Attila al Comunale di Bologna
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 462 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T