La mia Scuola

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 630
Fine colonna 1
 

Un consiglio per il referendum

Nelle vesti di latore di messaggi interessanti, pubblico una lettera di Luciano Baruzzi, geologo e ambientalista, laureato a Bologna, autore tra l’altro del libro “E poi??? mangeremo bulloni” in cui espone in modo davvero allertante, i maggiori problemi del mondo legati all’inquinamento, tra cui mette in luce la necessità di cambiare rotta, usufruendo delle più moderne tecnologie per permettere uno sfruttamento delle fonti rinnovabili e non inquinanti, al posto di quelle fossili.

 

Ecco la lettera scritta da Baruzzi:

 

Mi piace cominciare con una breve bibliografia sui temi del petrolio e delle trivellazioni:  

1) "Gli Imperi Del Petrolio: un'analisi geografica" di Peter Odell, Mazzotta Editore 1970;

2) "Petrolio e Potere: il Racket dei petrolieri" di Marcello Vittorini, Marsilio Editori 1974;

3) "Un Pianeta Da Salvare" di Giuseppe Barbieri, Edizione Principato, 1975 (adottato come testo consigliato nell'ITC Einaudi di Bassano Del Grappa).

 

Basterebbe consultare o leggere questi vecchi volumi per capire i motivi di una forte CONTRARIETA' all'estrazione di metano e petrolio, in un' Italia fragile per la natura geologica del territorio e coi mari che bagnano la penisola facilmente inquinabili e addirittura già inquinati lungo le coste.

Aggiungo anche il mio libro scritto di recente "E poi???......Mangeremo bulloni"(2010) dove in alcuni capitoli sono trattate le situazioni più recenti di inquinamento, con abbondanza di proposte alternative alle fonti fossili , economicamente e ambientalmente vantaggiose , già ventilate nei vecchi volumi sopra elencati.

Possibile che i nostri politici che ora governano, a cominciare dal Dottor Renzi , non siano a conoscenza della necessità di soluzioni positive che non provochino danni all'uomo ( tumori ed altro) e all ' AMBIENTE?

Assurdo che nei dibattiti, ad ogni livello, non vengano chiamati GEOLOGI e GEOGRAFI esperti dei vari ORDINI professionali, delle università , e quindi competenti riguardo a tale argomento.

Ci siamo completamente dimenticati della Conferenza di Parigi sul Clima e sulle decisioni prese sulle necessità di studiare ed utilizzare le energie alternative rinnovabili, che non sono inquinanti e che si basano su BENI presenti anche nel nostro territorio (eolico, solare, geotermico ancora poco utilizzato, risparmio energetico in quanto siamo ancora abituati, almeno in Italia, allo SPRECO, il riutilizzo di risorse che siamo soliti scartare, ecc... ).

Di tutto ciò è estremamente necessario parlarne e soprattutto DISCUTERNE nelle scuole con gli alunni perché  il futuro è loro,sia per quanto riguarda la necessità di bloccare le trivelle, sia per ciò che è venuto alla luce in Basilicata a proposito dei pozzi petroliferi che stanno scavando, in una terra particolarmente dedita all'agricoltura (povera e priva di sostegno), e vicino al Parco Nazionale del Pollino (mai ricordato).

Per concludere pensiamo si debba procedere votando DECISAMENTE "SI" contro le trivellazioni e occuparsi, inoltre, di ciò che sta avvenendo in Basilicata. Ringraziamo per l'attenzione e per l'eventuale pubblicazione.

 

Luciano Baruzzi e Simone Fochi. 

 

Vorrei comunque aggiungere, quale “chiamato alle armi” per votare il referendum che, a mio parere, mi sembra davvero una cosa non del tutto corretta, per non dire un “non senso”,  chiamare a votare il popolo per delle questioni squisitamente tecniche, come quella delle trivellazioni. Cosa volete che ne capisca io, di questa roba, e cosa volete che ne capiscano gli oltre quaranta milioni di cittadini invitati a votare questa proposta con un sì (voto che, dati i consigli di Luciano, penso di dare) o con un no?

Mi sembra che queste decisioni vadano messe in mano a dei veri esperti del caso, a degli specialisti che, con competenza e criterio, possano dare una decisione oculata e valida, sia per la salvaguardia del territorio, sia, e soprattutto, per la salute di chi lo abita.

Sarebbe la cosa migliore da fare: un modo per impiegare dei veri cervelli in vere questioni, e non per vedere l’accapigliamento di partiti e di politici che si fidano dell’uno o dell’altro consiglio, pecorilmente seguiti da una schiera di seguaci disposti a votarli.

Pier Giacomo Zauli


Categoria: Cosa ne spenso Data di creazione: 09/04/2016
Sottocategoria: Varie Ultima modifica: 13/07/2016
Permalink: Un consiglio per il referendum Tag: Un consiglio per il referendum
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 919 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T