La mia Scuola
Vai con la musica!
Scuola emergenza Coronavirus 2020

Sezioni principali


Servizi


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 893
Fine colonna 1
 

Allo Stradello dei Cappuccini č ora di capirci

 ALLO STRADELLO DEI CAPPUCCINI E’ ORA DI CAPIRCI…

 

Non parlo da ciclista, e neppure da guidatore di automobili.

Parlo da utente della strada, che, come tale, ha il diritto di veder rispettare le regole e ha il dovere di  farlo.

In questa sede mi riferisco a ciò che, giornalmente, vedo accadere all’incrocio tra viale Marconi e lo Stradello dei Cappuccini.

Alcuni mesi fa c’era un tornello, ma ora, per merito delle proteste di alcuni, e, purtroppo, della cedevolezza di altri, è stato tolto.

Rimane, però, il cartello di cessazione della precedenza per i ciclisti nella stessa sede in cui era presente il tornello. Sottolineato dalle strisce pedonali continue.

Ciò vuol dire che, comunque, la precedenza rimane alle auto sui ciclisti, mentre, se c’è un pedone, o se il ciclista porta la bici a mano, ed entrambi vanno a passo d’uomo (circa 4 km orari) la precedenza è del pedone.

Frequento spesso l’incrocio, in quanto sovente vado a fare la spesa al vicino supermercato.

Non c’è volta che, mentre esco dallo stradello dei Cappuccini per immettermi in viale Marconi, non vi sia qualcuno che, mal pensando di avere la precedenza, sfrecci a tutta velocità e, se ti provi a dire che non è il caso, ti insulti con improperi di ogni genere.

E tra i ciclisti che sfrecciano vi sono ragazzini, genitori con a seguito i loro figli biciclettati, mamme con il pargolo sul seggiolino, seguite da suocere o nonne altrettanto sfreccianti!!!

Allora, i casi sono più o meno due:

O il ciclista è un vero ignorante del codice della strada, o fa parte dei “no stop”, cosa assai pericolosa, in quanto la cosa non credo sia condivisa da molta gente.

La precedenza alle auto, in quel punto, è stata data, almeno credo, perché l’automobilista è in grande difficoltà a vedere ciò che capita dietro l’angolo della casa a destra dello stradello, e non può capire cosa succede cinque o sei metri dopo.

Per questa ragione, immagino, è stato messo il dare la precedenza alle auto.

Suggerimenti?

Visto che sono stati tolti i tornelli, mettere al loro posto un muretto di 20 centimetri, con spigoli netti, per impedire ai ciclisti di sfrecciare a tutta velocità.

Oppure: mettere un senso unico nello stradello dei Cappuccini, impedendo alle auto di uscire dalla parte di viale Marconi. Un autista che entra nello stradello dei Cappuccini venendo da viale Marconi vede benissimo gli ostacoli presenti.

Ultima chance? Abbattere il fabbricato a destra dello stradello…

Un’altra idea, forse più fattibile: mettere ogni tanto un vigile a guardia del posto e multare pesantemente i trasgressori, facendo leva anche sui punti della patente, nel caso fossero patentati…

Perché l’ignoranza del codice della strada non può e non deve essere tollerata. Ne va della salute di se stessi e degli altri, individuale e pubblica!

 

Pier Giacomo Zauli 


Categoria: La sicurezza nella strada Data di creazione: 04/07/2021
Sottocategoria: Circolando per Faenza e dintorni Ultima modifica: 04/07/2021 12:43:59
Permalink: Allo Stradello dei Cappuccini č ora di capirci Tag: Allo Stradello dei Cappuccini č ora di capirci
Inserita da: Pier Giacomo Zauli Pagina vista 128 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T